23 Luglio Ritorno All’Essenza del Nordic Walking

23 Luglio Ritorno All’Essenza del Nordic Walking

| postato in: Archivio Eventi, Attività | 0

“Immaginate foreste, ruscelli e cascate tutte collegate da facili sentieri dove i nostri passi si fondono con la natura per esaltarla e imparare da essa il vero senso del camminare.
Ieri a Predazzo è successo proprio questo: il nordic walking ha ritrovato la sua vera essenza, quella per la quale era nato, il contatto con la natura, l’avanzare piano muovendo tutti i muscoli del corpo, il parlare con le persone che ti camminano a fianco, il fermarsi per vedere e aspettare chi va più piano, il sorriso di chi gioisce perché sa che sta condividendo un’emozione e l’abbraccio finale dei saluti quando è ora di tornare a casa.
Ieri ho rivisto tanta serenità tra i camminatori nell’avanzare nei boschi con le pause ristoratrici per l’anima ma anche per il corpo con assaggi del Puzzone di Moena e dell’acqua dal sapore di sambuco, ieri, complice un’organizzazione perfetta, il nordic walking ci ha riportato con i piedi per terra facendoci capire che l’andar piano nel mezzo della stupenda semplicità della natura è il segreto che solo uno sport completo come il nostro può regalare. Ieri il nordic walking ci ha mostrato di nuovo il suo vero volto, ricordiamocelo, perché abbiamo in mano una pietra preziosa che sa trasformare le persone e rendere i momenti indimenticabili.
Ieri il nordic walking di ha indicato di nuovo la giusta direzione…”(Pino Dellasega)

“Tutti mi prendevano in giro al lavoro, a casa, te lo ha ordinato il dottore di fare una sfacchinata cosi? Si! me lo ha ordinato il dottore per fortuna, grazie Mary grazie a tutti gli istruttori e agli amici. Esperienza Meravigliosa” (Angela)

“E’ stata la prima uscita con il gruppo ed è stata una bellissima esperienza, sia per l’organizzazione, per i bellissimi luoghi la bella compagnia e la soddisfazione personale. Grazie a tutti” (Loretta)

” Ho vissuto questa esperienza con tutti i 6 sensi 1) la VISTA su luoghi persistenti al passare del tempo.2) meravigliandomi nell’UDIRE che le cicale montanare cantano in modo diverso dalle nostre. 3) l’ODORE di resina impregnato nella pelle. 4) sorprendendomi con il TATTO ( dei piedi ) di come rimbombi a vuoto il solo nel bosco di conifere. 5) come cambia il GUSTO di una tonica se la bevi guardando il Lagorai 6) il senso dell’AMICIZIA quella che pochi danno col cuore. Quella che ti fá spingere sui bastoni e ti fà attraversare quell’arco blu vittoriosa di aver anche stavolta superato i tuoi limiti. Grazie amici del N.W.Live”   ( Giandus )

“Camminata memorabile sudata si ma anche gustata fino all’ultimo passo.. Che dire basta crederci e tutto è possibile! Grazie a tutti gli istruttori” (Fabiana)